numero verde
Ordini telefonici gratuiti.
Servizio attivo da Lunedì a Venerdì. Orario continuato dalle 9 alle 18.

Le manovre di emergenza in caso di soffocamento

Un soggetto anche senza problemi specifici nella deglutizione può andare incontro a soffocamento se parti di cibo ostruiscono le vie aeree.

La prima difesa è fornita dall’organismo stesso ed è la tosse.

Quando la difesa naturale dell’organismo non è sufficiente, si può intervenire dall’esterno con alcune manovre che possono aiutare il soggetto a liberarsi dell’ostruzione; non è opportuno né colpire la schiena con le mani, né dare da bere, né effettuare la respirazione bocca a bocca.

Può essere utile invece, se vi è del cibo in bocca o sono presenti protesi dentarie, procedere alla loro rimozione con le dita evitando di far alzare la testa del paziente verso l’alto ma ricorrendo all’utilizzo di una delle seguenti manovre:

– Nella prima manovra il soggetto, rimanendo in piedi con le gambe distese, piega la schiena e la testa in avanti, con il mento verso il petto, le braccia abbandonate in giù e la bocca aperta, in modo da sfruttare la forza di gravità e far uscire l’alimento che provoca il soffocamento. Per aumentare l’efficacia della manovra, potrà essere utile, mantenendo tale posizione, dare dei colpetti con il palmo della mano tra le scapole.

– La seconda manovra, chiamata di “Heimlich”, si attua, ponendosi alle spalle del paziente, cingendolo con entrambe le braccia all’altezza del suo stomaco e tenendolo con una mano chiusa a pugno e l’altra sovrapposta alla prima. In questa posizione premere con entrambe le mani sulla fascia diaframmatica (all’altezza delle ultime costole) del paziente, con un movimento verso l’alto al fine di favorire l’espulsione del cibo. Questa manovra può essere effettuata anche se il soggetto è seduto sulla sedia a rotelle o sdraiato.

Articoli correlati

Come alimentare una persona disfagica

La deglutizione: come avviene?

La polmonite ab ingestis: cos’è?

Disfagia: alimenti sconsigliati

Acqua gelificata per disfagia: perché utilizzarla?

Disfagia nell’anziano: lo studio NUTRICARE

Alimenti per disfagici: consigli e ricette per un menù completo

Disfagia: cause e sintomi

Autore: Ri.Bo